News » Varie » PROTOCOLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI FIRENZE E ORDINI PROFESSIONALI PER IL MANTENIMENTO DELL’ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI CTU - NOVITA’ PER I PROFESSIONISTI GIA’ ISCRITTI ALL’ALBO »

PROTOCOLO DI INTESA TRA TRIBUNALE DI FIRENZE E ORDINI PROFESSIONALI PER IL MANTENIMENTO DELL’ISCRIZIONE ALL’ALBO DEI CTU - NOVITA’ PER I PROFESSIONISTI GIA’ ISCRITTI ALL’ALBO

Il 14/12/2017 è stato firmato tra Tribunale di Firenze ed ordini professionali il protocollo di intesa che norma le nuove modalità di iscrizione e mantenimento nell’Albo dei CTU.

 

 

            Dal mese di Gennaio la cancelleria del Tribunale inizierà l’attività di revisione dell’albo e richiederà a ciascun iscritto – direttamente o tramite l’ordine di appartenenza – la documentazione integrativa comprovante il possesso dei requisiti richiesti dal protocollo stesso.

            Il termine per la produzione e l’invio di tale documentazione è previsto entro i 30 giorni dal ricevimento della comunicazione. Trascorso senza riscontro tale termine, il professionista verrà automaticamente escluso dall’Albo dei CTU, salvo potersi successivamente re-iscrivere in qualsiasi momento attivando una procedura di nuova iscrizione con relative spese.   

 

            Al fine di non essere colti impreparati rispetto a questa importante novità, si riporta di seguito un elenco indicativo della documentazione da predisporre.

 

******

 

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER IL MANTENIMENTO DELL’ISCRIZIONE

ALL’ALBO DEI CTU DEL TRIBUNALE DI FIRENZE

 

  1. Dichiarazione del possesso dei requisiti di “speciale competenza”  ex art. 15 disp. att. cp.c. nella materia e/o specializzazione per la quale si chiede di mantenere l’iscrizione nell’albo
  2. Curriculum vitae in formato europeo
  3. Dichiarazione di essere in possesso di propria PEC e firma digitale
  4. Dichiarazione della insussistenza di sopravvenuti impedimenti ad esercitare l'ufficio
  5. Prova di aver partecipato nel quadriennio ad almeno un corso di formazione tecnico-giuridica della durata di almeno 20 ore. In alternativa a questa: dichiarazione di avere svolto nel quadriennio almeno quattro consulenze tecniche sia d'ufficio che di parte (con il criterio che due consulenze di parte equivalgono ad una consulenza tecnica d'ufficio)
  6. Prova del doveroso aggiornamento professionale periodico nella materia per la quale il consulente è iscritto all'Albo dei CTU;
  7. Prova di avere comunicato quanto previsto al sub e) al proprio Ordine o Collegio di appartenenza.

 

       Protocollo di Intesa  Allegato  161,59 Kb
Pag: 1